Pneumobase.it
Esmr
OncoPneumologia
Tumore polmone

Carcinoma polmonare non-a-piccole cellule già trattato: efficacia di Nivolumab in monoterapia


Nivolumab ( Opdivo ), un inibitore del checkpoint immunitario PD-1, ha prodotto risposte durature e sopravvivenza globale prolungata nei pazienti con carcinoma del polmone non-a-piccole cellule, precedentemente trattato.

Sono stati presi in esame i dati di 129 pazienti ( età media, 65 anni; 61% maschi ) con tumore al polmone in fase avanzata.
I pazienti erano stati pesantemente pretrattati; il 54% aveva ricevuto tre o più trattamenti sistemici, e tutti i pazienti avevano presentato progressione della malattia durante il trattamento con almeno un regime terapeutico a base di Platino o di taxani.

I pazienti hanno ricevuto un dosaggio bisettimanale di 1 ( n = 33 ), 3 ( n = 37 ) o 10 mg/kg ( n = 59 ) di Nivolumab in cicli di 8 settimane fino a 96 settimane.

Il periodo di follow-up è stato di 39 mesi.

La sopravvivenza mediana globale è stata di 9.9 mesi; di 9.2 mesi per le coorti trattate con dosaggi di 1 e 10 mg/kg di Nivolumab; i pazienti che hanno ricevuto la dose di 3 mg/kg ( n = 37 ) [ la dose scelta per gli studi di fase 3 ] hanno raggiunto una sopravvivenza mediana globale di 14.9 mesi.

Il tasso di sopravvivenza a 1 anno è stato del 42%, quello a 2 anni del 24%, e a 3 anni il tasso di sopravvivenza è stato del 18%.

Il 56% dei pazienti assegnati al dosaggio di 3 mg/kg ha raggiunto una sopravvivenza globale a 1 anno; il 42% a 2 anni, e il 27% a 3 anni.

La sopravvivenza mediana libera da progressione per tutta la popolazione è stata pari a 2.3 mesi.

Il tasso di risposta obiettiva è stato del 17% (n = 22), e la durata della risposta mediana è stata di 17 mesi ( range 1.4-36.8 ).

La sopravvivenza mediana globale, i tassi di sopravvivenza e i tassi di risposta erano paragonabili nei pazienti con tumore in forma squamosa e non-squamosa.

La maggioranza dei pazienti ( 71% ) ha presentato un evento avverso di qualsiasi grado. I più comuni effetti indesiderati sono stati: affaticamento ( 24% ), diminuzione dell'appetito ( 12% ) e diarrea ( 10% ).
Eventi avversi di grado 3-4 si sono verificati nel 14% dei pazienti.

Diciotto pazienti hanno cessato il trattamento per motivi diversi dalla progressione della malattia.
Tre pazienti sono morti per polmonite correlata al trattamento. ( Xagena )

Fonte: Journal of Clinical Oncology, 2015

Xagena_Medicina_2015



Indietro

Headlines

Un gruppo di ricercatori ha scoperto come l’utilizzo di una particolare forma di radioterapia impiegata per la cura dei tumori del polmone in stadio iniziale, la radioterapia stereotassica, possa esse ...


Sono stati presentati i dati clinici e di sicurezza di Osimertinib ( Tagrisso ) per il trattamento dei pazienti con malattia leptomeningea, una complicanza del tumore al polmone non-a-piccole cellule ...


La Commissione Europea ( CE ) ha autorizzato la commercializzazione di Giotrif ( Afatinib ) come terapia per i pazienti con carcinoma del polmone a cellule squamose ( SqCC ) avanzato e in progressione ...


In occasione dell’European Lung Cancer Conference ( ELCC ) 2016 sono stati presentati i nuovi dati di fase I con un follow-up più lungo, relativi a Osimertinib ( Tagrisso ) nei pazienti con tumore al ...


Un nuovo studio ha mostrato che i livelli degli eosinofili, una categoria di globuli bianchi del sangue, permettono di identificare i pazienti con BPCO ( broncopneumopatia cronica ostruttiva ) che pos ...


La Commissione Europea ( CE ) ha approvato Ofev ( Nintedanib ) per il trattamento della fibrosi polmonare idiopatica ( FPI ). L’approvazione si basa sui risultati degli studi gemelli di fase III INPUL ...